sabato 17 dicembre 2011

In principio era il CAOS..



CAOS (Χάος) ALLA
SEZIONE POLSTRADA DI PALERMO


Nel famoso dialogo di Platone “Timeo”, si affermava la quasi necessità del caos (Χάος) quale condizione indispensabile per la creazione dell’universo, ritenendo per ultimo che solo nel disordine l’uomo apprezza l’ordine.
Sembrerebbe una bella lettura di filosofia se non fosse che la professoressa di turno non tiene lezioni in un Liceo Classico ma, indossando una divisa, ritiene di esportare tale teoria alla Sezione Polizia Stradale di Palermo.
Da poco meno di un anno si è insediato il nuovo Dirigente, dr.ssa Ioppolo, alla Sezione Polstrada di Palermo e questa Organizzazione Sindacale, ha responsabilmente ritenuto doveroso concedere del tempo ed offrire tutta la propria disponibilità per riprendere e, soprattutto, far riprendere le sorti di un ufficio ancora provato dalla tragica perdita del compianto Dr. Messina.
Abbiamo ritenuto, sbagliando, che certi modi poco ortodossi (per usare un eufemismo) di trattare con il personale, quali per esempio (s)parlare di colleghi in presenza di altri fosse solamente un modo di rendere più familiare una struttura lavorativa.
In realtà invece è stato usato un metodo che ha consentito di umiliare umanamente e professionalmente numerosi poliziotti in servizio alla Sezione Polstrada e con una linearità quasi scientifica che ha coinvolto tutte le qualifiche e tutti i settori. Dagli Agenti agli Ispettori, dal settore operativo al settore burocratico, con un conseguente malumore diffusissimo tra gran parte del personale, riferendosi sempre ad un modello di lavoro “messinese” che molte volte si è rivelato sbagliato. Per non parlare della delicatezza elefantiaca nel tessere le lodi di personale “doc” esterno alla Sezione, prodigo di “buoni consigli”, alla faccia dei propri collaboratori.
Il caos sta prendendo pian piano possesso dell’Ufficio e dobbiamo ringraziare il Dipartimento che con la recente Ispezione Ministeriale ha consentito due risultati: il primo ha “costretto” il Dirigente ad occuparsi, FINALMENTE, di tutti gli uffici della Sezione, il secondo e più importante risultato è quello che la dr.ssa Ioppolo ha preso atto delle capacità e competenze di tutto il personale ivi in servizio, ricevendo anche i complimenti del Funzionario Ministeriale al termine della predetta ispezione.
Speriamo che tale attenzione non verrà meno una volta terminate le fasi dell’Ispezione allorquando il Dirigente la Sezione tornando al faticoso e quotidiano “pendolarismo” (oltre che a fiaccare le proprie energie), lascerà in una disarmante solitudine gli operatori della Polstrada palermitana i quali, sono stanchi di dover sempre e comunque sobbarcare sulle proprie spalle le carenze di una Dirigenza fin troppo distratta.

Palermo 14 dicembre 2011

LA SEGRETERIA PROVINCIALE SIAP

Unni Pi Guaragnari Si Pattia..




Signor Questore,

Come Ella ben sa, durante la Sua permanenza alla Questura di Palermo, abbiamo affrontato diversi problemi inerenti tutte le sfere e gli uffici dei poliziotti palermitani. Certo la ricetta perfetta non esiste, ma mai, mai e poi mai, avremmo pensato di rivolgerci a Lei con i toni e le modalità che i gravissimi fatti odierni ci impongono.
L'Ufficio Prevenzione Generale é uno dei più grandi, numericamente, della Questura di Palermo, uno dei più esposti, uno dei più operativi, uno di quelli in cui tutto é sudato e tutto é sacrificio. Lo straordinario é sempre e comunque faticato e sempre e comunque causa di rischio da una parte.. dall'altra, essendo un istituto della Polizia di Stato, é chiaramente disciplinato dalle normative vigenti.
Oggi Signor Questore, assistiamo indignati allo scempio dell'istituto dal punto di vista regolamentare, legislativo, deontologico, etico ed al relativo disprezzo della fatica e del rischio degli operatori delle Volanti di Palermo.
In tempi di crisi buon senso vorrebbe che ci si rifacesse a criteri di equa distribuzione, razionalizzazione e accurata pianificazione, sempre e comunque nel rispetto delle regole, invece no, soprattutto da parte del personale degli Uffici assistiamo ad una indegna corsa ad accaparrarsi il già pingue bottino con precisione assoluta, come avvoltoi sulle carogne, sotto gli occhi ostentatamente disattenti di una compiacente dirigenza. Basti guardare come ogni mese le stesse persone facciano lo stesso numero di ore di straordinario e sempre in emergenza!!. Con i soldi, pochi e mal divisi, si curano orticelli, si devastano dignità professionali e si annientano anni di lotte sindacali.
Pretendiamo chiarezza. Vengono indegnamente usati sistemi di “dissuasione” all'adesione al programmato decisamente vili e drammaticamente palesi: la dirigenza dov'è? Qual'è il prezzo di questa connivenza? Agli operatori di PS viene negata la possibilità di effettuare il programmato con motivi assolutamente inesistenti ed inaccettabili: “siete una sola volante e non si può fare”; “ci siamo dimenticati di programmarvi”, oppure “non programmano per un’intera settimana nessuno”, quando non peggio, subiscono il ricatto del programmato appioppato nel giorno festivo già oberato per sua natura da diverse difficoltà. Ci chiediamo “se é lecito impegnare la volante in turni di straordinario programmato nei giorni festivi, perché lo stesso non avviene per il personale degli uffici in quegli eccezionali giorni in cui capitano di servizio?”. Non temiamo le domande.. ci sentiamo offesi nell'intelligenza da improponibili risposte.. Ah già, vero, dimenticavamo.. non importa chi fa e disfa, non importa chi vende e chi compra, non importa chi iscrive e chi disdetta, chi palesa e chi minaccia.. basta che i “54 ore a botta” non portino rogne.
In fondo lo abbiamo capito, ma non accettato, che per raccattare qualche risorsa, che invece dovrebbe meglio essere distribuita, basta pattiari!




Palermo 12 Dicembre 2011 Segreteria Provinciale SIAP Palermo

lunedì 31 ottobre 2011



PALERMO PROTESTA IN MOTO CONTRO I TAGLI





Il 26 ottobre 2011 si é svolta per le vie di Palermo la 1^ MOTOPROTESTA della storia dei Sindacati della Polizia di Stato. La Segreteria Provinciale del SIAP di Palermo, ha promosso, sostenuto ed effettuato tale protesta, oltre che nell’interesse della categoria dei poliziotti bistrattati come non mai dal Governo in carica, nell'interesse precipuo di tutti i cittadini.
Il SIAP ha ritenuto doveroso informare la cittadinanza su i rischi che ognuno corre a seguito di scelte scellerate e sclerotiche effettuate dall’attuale maggioranza politica.
Con pudore e un po’ di rabbia mista, abbiamo cercato di sensibilizzare i cittadini a far sentire alta la loro richiesta di SICUREZZA, affinché la Sicurezza non sia ancora una volta considerata un Costo bensì un investimento per il futuro.
Vogliamo un futuro con una sicurezza vera e non mediatica.
Pioveva a dirotto lungo il percorso.. eppure decine e decine di poliziotti motorizzati, non hanno rinunciato a portare in PIAZZA la pubblica protesta.
Abbiamo distribuito migliaia di volantini alla gente, abbiamo urlato slogan, civili rispettosi, ma forti nel loro contenuto, del tipo….
Tagliando la sicurezza si consegnano le nostre città alle Mafie….
L’approvazione del D.D.L. sulle intercettazioni ci impedirà di espletare qualsiasi tipo di indagine. Verremo relegati ad occuparci di chi ruba la frutta per mangiare, lasciando di fatto impuniti tutti quelli che si spartiscono illegalmente l’Italia rubando il futuro ai nostri figli.
Le gente ha letto, ha ascoltato, ha condiviso ed soprattutto ci ha espresso solidarietà e consenso applaudendo. Siamo operatori della sicurezza, percepiamo il bisogno di sicurezza dei cittadini e loro hanno diritto di conoscere la verità di come stanno le cose.
Non abbiamo solamente denunciato la mancanza di uomini e mezzi, confermando ancora una volta che i servizi primari istituzionali della Polizia di Stato, si riescono a garantire solo grazie alla lealtà, abnegazione e soprattutto grazie ai sacrifici delle poliziotte e dei poliziotti colleghi. Ma tutto ciò non è più accettabile. E’ giunto il momento di dire basta.
Se il governo dovesse approvare il decreto perequativo per il comparto sicurezza con le risorse che ha sinora previsto (e senza prevedere nel DPCM la distribuzione delle risorse tra le diverse amministrazioni interessate, con il rischio concreto di bloccare tutto e rinviare l'attuazione del decreto) la riuscitissima Prima Motoprotesta sarà solo la prima di una lunga serie di “PROTESTE IN MOTO” che il Siap, metterà in campo da Palermo fino a ROMA al fine di convincere questo Governo (o oltri che verranno), a mettere al centro della sua agenda la SICUREZZA di tutti i cittadini.
Alla fine della manifestazione la Segreteria Provinciale Palermitana è stata ricevuta dal Prefetto di Palermo, al quale è stato consegnato il documento che è stato distribuito per le vie di Palermo.



Palermo 31 ottobre 2011




LA SEGRETERIA PROVINCIALE SIAP

mercoledì 26 ottobre 2011

Motoprotesta bagnata..




Care Concittadine e Cari Concittadini,
Ci scusiamo fin da adesso se questo I° Motoraduno di protesta, organizzato da un Sindacato di Polizia, in qualche modo ti sta causando qualche disagio. Ma sono solo 5 minuti della tua attenzione che ci interessava accaparrarci. 5 cinque minuti della tua attenzione nel precipuo interesse tuo e dei tuoi cari!
Viviamo momenti difficili. Tutto il sistema economico italiano sembra vacillare, vengono applicati tagli ovunque, tutta la pubblica amministrazione ormai boccheggia. La sicurezza purtroppo ne risente e ne risente più di tutti gli altri settori. Questo Governo è stato eletto sulla lunga onda emotiva della necessità di garantire la sicurezza. Hanno sprecato parole, lodato l’operato delle Forze di Polizia, millantato indegnamente azioni lodevoli (quali poi???) a loro irriconoscibili anche da parte del più sprovveduto spettatore.. E mentre sul sangue nostro e dei colleghi, sul nostro sacrificio e loro, si arrogavano meriti, dall’altra distruggevano quasi irreversibilmente il settore che tanto avevano sbandierato di voler valorizzare! Vengono garantiti gli sprechi a carico dell’essenziale, militarizzando in maniera assolutamente sterile ed infruttuosa le grosse città attraverso un uso dell’Esercito che come unico tangibile risultato ha prodotto un esborso delle già rimaneggiate casse dell’erario. L’esercito deve fare l’esercito, la Polizia la Polizia. Non si può favorire una vana percezione delle sicurezza a scapito della nostra sicurezza reale!
Noi siamo un sindacato di Polizia che ha il dovere si essere la componente sociale seria e veritiera di questa turpe vicenda: NON SAREMO NOI I COMPLICI DELLA PROPAGANDA GOVERNATIVA!! Preferiamo dire alla gente, proprio quella per cui noi esistiamo e per cui ha senso tutto ciò che facciamo e in barba alla quale nulla avrebbe senso di ciò che diciamo, proprio a quella gente, di cui voi siete ovviamente parte integrante, vogliamo dire le cose come stanno: Il Governo Berlusconi ha devastato il settore della Sicurezza. I servizi minimi previsti per la normale e pacifica convivenza in uno stato che voglia dirsi civile e democratico sono a severo rischio. Molti già non si fanno più e il pericoloso effetto domino sembra inarrestabile.
Mancano uomini, mancano mezzi, non ci sono soldi per pagare il lavoro dei poliziotti e la stessa benzina delle auto, mancano le divise.. ci chiediamo dove siano finite le vanagloriose affermazioni di inizio legislatura.. Sia chiara una cosa però: noi non siamo quelli che, per usare un’espressione corrente, “se la piangono addosso”, urliamo il nostro sdegno in pubblico perché saranno I TUOI BISOGNI ad essere calpestati, sarete voi a chiamare il soccorso delle Forze dell’Ordine e rischiare di sentirvi dire che non ci sono auto da mandare.. Sarete voi a pretendere che lo Stato faccia ciò che deve!!
E’ per questo che oggi siamo in piazza con le moto, insieme a tanti Club motociclistici della società civile, che come noi sentono il bisogno di una presenza costante sul territorio di uomini e mezzi pronti a tutelarli nell’ipotesi in cui ne avessero bisogno. E’ una manifestazione colorata e rumorosa.. dai toni forse non esasperati che tuttavia trasuda lo sdegno di una intera categoria martoriata e annientata e la paura di chi vede a serio rischio le proprie aspettative di sicurezza.
Grazie della tua attenzione..
Il Sindacato di Polizia SIAP di PALERMO

martedì 25 ottobre 2011

ROMBA LA PIAZZA...




QUESTA VOLTA FAREMO RUMORE
MERCOLEDÌ 26 OTTOBRE 0RE 15,30
Concentramento Piazzale Giotto e giro di protesta per le vie cittadine

1° MOTORADUNO DI PROTESTA
RIMETTIAMO IN MOTO “LEGALITA’ E SICUREZZA”

LA MANIFESTAZIONE È PUBBLICIZZATA NEI BUS CITTADINI CON LE SCRITTE "RIMETTI IN MOTO LA SICUREZZA" E "NO AI TAGLI".
ANCHE QUESTO È RUMORE!
NULLA PIÙ DEL RUMORE E MOVIMENTO È SINTOMO DI VITALITÀ!
CHI È SCHIAVO ED ASSERVITO TIENE IL CAPO CHINO, NON SI MUOVE E NON FIATA, È UN MORTO CHE CAMMINA E NON PUÒ GARANTIRE NÈ LA PROPRIA NÈ L'ALTRUI SICUREZZA
RUMORE E MOVIMENTO SONO SIMBOLO DI DIGNITÀ!
LA "SUBORDINAZIONE" SOLO QUANDO È VISSUTA COME SILENZIO E IMMOBILISMO EQUIVALE A PERDITA DELLA PROPRIA DIGNITÀ
E ALLORA ............RUMORE E MOVIMENTO !!
PARTECIPA ANCHE TU



DIFENDI I TUOI DIRITTI CONTRO I TAGLI AI POLIZIOTTI



LA SEGRETERIA PROVINCIALE



PER INFO: SEGRETERIA ORGANIZZATIVA:
Segreteria Provinciale SIAP Palermo, tel./fax 091/6569773
www.siappalermo.blogspot.com
siap.palermo@gmail.com

venerdì 14 ottobre 2011


Mercoledì 19 ottobre 2011 (ORE 10,30/13,30)
ASSEMBLEA GENERALE CASERMA LUNGARO

PRESENZIERA’ IL SEGRETARIO GENERALE NAZIONALE

GIUSEPPE TIANI

Nell’assemblea saranno affrontati i temi legati al d.l. 78/2010 sulla decurtazione stipendiale e del reddito dei poliziotti; le battaglie condotte dal SIAP e le tutele anche GIUDIZIARIE. In particolare tratteremo del:

  • Mancato pagamento degli Assegni di Funzione;

  • Ricorso Gratuito del S.I.A.P. per Tutti i Colleghi.


IL S.I.A.P. CONTINUA LA PROPRIA BATTAGLIA A TUTELA DELLO STIPENDIO E DEL REDDITO DI TUTTI I POLIZIOTTI, CONTRO LA DISPARITÀ DI TRATTAMENTO RETRIBUTIVO A PARITÀ DI REQUISITI, ANZIANITÀ DI CARRIERA E FUNZIONI ESPLETATE.

SOSTENETECI NELLA BATTAGLIA PER LA TUTELA DEL NOSTRO LAVORO E DEL REDDITO DELLE NOSTRE FAMIGLIE


La Segreteria Provinciale SIAP

Partecipa all'assemblea generale
TUTTI I COLLEGHI "ISCRITTI E NON" SONO AUTORIZZATI A PARTECIPARE
Sostienici

Se ignori i momenti sindacali la politica ignora te!!!!!!

La tua assenza ci danneggia tutti

sabato 3 settembre 2011

Costretti alla Piazza.. Con la rabbia e l'orgoglio di esserci!!


Roma, 3 set. (Adnkronos) -

Il Siap ,il Silp-Cgil, il Coisp e l'Anfp scendono ancora una volta in

piazza per una manifestazione di protesta contro ''l'iniqua manovra

economica varata dal Governo. Il perseverare nel non ascoltare i

sindacati di polizia sulla manovra economica, - si legge in una nota -

mostra che il Governo non vuole affatto tagliare sui reali sprechi del

settore pubblico, che invece avrebbe effetti benefici anche nella

lotta alla corruzione vero costo della politica italiana, mentre

preferisce come al solito tagliare sui servizi essenziali dello

Stato". "La sicurezza e' un diritto dei cittadini e un dovere del

Governo assicurarla, che prescinde dai mercati e dalla crisi

finanziaria, infatti disinvestire su di essa significa colpire la

precondizione necessaria per la ripresa economica. Con organici

ridotti e la prospettiva di ulteriori tagli ai fondi della missione

statale sull'ordine e la sicurezza pubblica -rilevano i sindacati di

polizia- si abbassera' ulteriormente il livello di legalita' e la

manovra risultera' ancora piu' iniqua pesando oltre misura sulla parte

onesta del Paese". 03-SET-11 10:31

.

sabato 4 giugno 2011

LIDO che passione..

Palermo, 05/06/ 2011


AL SIGNOR QUESTORE DI PALERMO
AL SIGNOR QUESTORE-VICARIO – PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE
e p.c.
AL SIGNOR CAPO DI GABINETTO
LORO SEDI

ALBI SIAP

OGGETTO: RICHIESTA CONVOCAZIONE URGENTE COMMISSIONE BENESSERE DEL PERSONALE: LIDO CAPACI.

Signor Questore, Signor Vicario – Presidente della Commissione,
Il SIAP, come è noto, ha sempre avuto a cuore il benessere del personale prestando particolare attenzione a tutto ciò che con questo avesse a che fare. In tale spirito per anni ci siamo prodigati in ogni iniziativa, a cominciare proprio dal Lido di Capaci, volta a tutelare anche questa specifica fattispecie di diritti fondamentali dei nostri colleghi.
La stagione estiva incombe.
I colleghi si chiedono a che punto siano i lavori per l’apertura dell’amato “Lido”! Appuriamo da fonti che, ahimé, non sono quelle ufficiali dell’Amministrazione che è stato assegnato l’appalto per la presente e prossime stagioni; non abbiamo ragguagli circa i prezzi e le tariffe che si intenderanno applicare, voci sempre più insistenti asseriscono circa le problematicità inerenti l’utilizzo imprescindibile del bus navetta, ogni anno istituito. All’uopo anzi rappresentiamo che è ferma intenzione di questa O.S. fare in modo che il servizio venga ulteriormente potenziato e valorizzato istituendo una fermata presso il plesso delle “Tre Torri”.
La commissione appare esautorata e comunque non opportunamente consultata e valorizzata. Chiediamo una sua immediata convocazione per dirimere ogni eventuale controversia, senza inficiare la stagione estiva. Fiducioso in un sollecito riscontro, cogliamo l’occasione di porgere cordiali saluti.

Il Segretario Generale Provinciale
(Salvatore COMO)
Originale firmato agli atti

giovedì 14 aprile 2011

Il Siap sempre nel sociale..


Il 16 Aprile si svolgerà una grande manifestazione
"Notte bianca della legalità" "Contro la Mafia Cittadinanza per la Magistratura" .
Il Siap è l'unico sindacato di Polizia che è parte integrante della manifestazione, che è autofinaziata attraverso la vendita di libri, offerte, e magliette (vendute a prezzo libero con base 8 euro).

NON CI SARANNO STRISCIONI, BANDIERE O ALTRO

ORE 18 Piazzale della Memoria: (davanti il Palazzo di Giustizia di Palermo) S. Messa all’aperto in ricordo delle vittime di mafia.

Giorno 16 è particolare infatti Il Vangelo tratta della Passione di Cristo. i procederà alla lettura in maniera simile a quella del Venerdi Santo: prenderà parte a ciò Salvatore COMO, Segretario Generale del Siap, che reciterà la parte del Popolo.

Ore 19 Piazza Vittorio Emanuele Orlando: concentramento e partenza fiaccolata fino al teatro Massimo (percorso : Tribunale – via Nicolò Turrisi – via Villa Filippina – via Paolo Paternostro – piazza Castelnuovo – via Ruggero Settimo – piazza Massimo)

Ore 20,30: arrivo a piazza Verdi, dibattito con i magistrati presenti . Hanno aderito al momento:


Francesco Del Bene

Domenico Gozzo Di Matteo

Piergiorgio Morosini

Mario Conte

Nicola marino

Gian Battista Tona

Marina Petruzzella

Ignazio Cutrò



I Magistrati parleranno dal palco tra le 21 e le 22.



Un'ora è dedicata al dibattito.


Oltre ai magistrati è previsto SOLO l'intervento di Salvatore COMO segretario del Sindacato di Polizia Siap di Palermo

A seguire musica dal vivo. Il Siap nel sociale, il Siap sempre con te.